Nel catalogo
387 Prodotti
113 Aziende

Iscritti Newsletter
3596 Azienda
11795 Ente Pubblico
4277 Persona

Scegli anche tu Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

Guida ai Tetti Verdi per Principianti

Guida ai Tetti Verdi per Principianti - AcquistiVerdi.it

I giardini pensili hanno benefici sulla fauna selvatica, l’ambiente e lo spirito. Ma come si installano e quanta manutenzione richiedono? Per molti di noi non c’è niente di più bello che contemplare una distesa verde – che sia un campo in campagna o una prato in città – quindi ogni centimetro in più di vegetazione nella nostra casa è sempre il benvenuto!

 

I tetti verdi sono un’ottima soluzione non solo per arricchire l’esterno della tua abitazione, ma anche per preservare la fauna selvatica, proteggere la tua proprietà e donare un po’ di gioia a tutti coloro che possono ammirarli. E se pensi che siano una prerogativa esclusiva delle nuove costruzioni ecologiche, scoprirai che in realtà non è così. Infatti, possono essere realizzati in varie tipologie di tetto, piano o inclinato, su una vasta superficie o su un piccolo capanno in giardino. Se sei tentato dal pensiero di creare il tuo giardino pensile, ma non sai da dove cominciare, leggi le risposte degli esperti alle domande più frequenti.

I consigli dei professionisti:

  • Tom Storrer di Sky Garden
  • John Brennan di JB Landscapes
  • Sam Thornell di Hart Design and Construction
  • Simon Berry di Natures Balance

Cos’è un tetto verde?
Un tetto verde o vivente è semplicemente un tetto ricoperto di vegetazione. Il cosiddetto tetto verde intensivo è paragonabile a un giardino vero e proprio, mentre la classica copertura verde che siamo abituati a vedere sugli edifici residenziali – il tetto verde estensivo – è caratterizzata da piante a crescita bassa e richiede minima manutenzione. I tetti verdi estensivi sono composti da sei strati: uno strato impermeabilizzante con cui si riveste il tetto, uno strato protettivo, uno strato drenante che contiene tantissime piccole cavità – un po’ come il cartone delle uova – per trattenere l’acqua, uno strato filtrante, un substrato e infine la vegetazione. Si possono aggiungere le piante singolarmente oppure optare per un tappeto erboso. I tetti verdi sono spesso visti nelle nuove costruzioni, ma possono essere installati anche su alcuni tetti meno recenti; e la superficie non deve necessariamente essere piatta. «Anche i tetti con una pendenza di 45° possono diventare verdi, hanno semplicemente bisogno di appositi supporti per evitare che le piante scivolino giù», spiega Simon Berry di Natures Balance, che ha progettato la forma e le finiture esterne di questo giardino.

 

 

Quali sono i benefici?
Ci sono tantissimi benefici correlati ai tetti verdi, ma il più importante è quello di favorire la biodiversità. «I nostri tetti fioriti comprendono 38 specie di piante erbacee e fiori selvatici, che attirano molti insetti come le api e le farfalle», afferma Tom Storrer di Sky Garden. Inoltre, aiutano a mitigare gli effetti delle inondazioni improvvise. Secondo il The Green Roof Center di Sheffield, fino al 75% delle acque piovane defluiscono dalle aree urbane, grazie alla presenza dell’asfalto degli edifici, pavimentazioni e strade. «II tetto verde raccoglie l’acqua piovana che viene poi assorbita dalle piante, aiutando a prevenire le inondazioni improvvise dovute al deflusso dell’acqua piovana», spiega Tom Storrer e aggiunge: «Le piante contribuiscono anche a purificare l’acqua piovana, in quanto assorbono molte tossine».

 

Salva

Un tetto verde aiuta anche a regolare la temperatura all’interno dell’edificio poiché l’isolamento del tetto favorisce il riscaldamento in inverno e il raffrescamento durante l’estate. Tuttavia, esistono alcune circostanze in cui bisognerebbe fare attenzione (vedi gli aspetti negativi in seguito). «La copertura verde aiuta anche a insonorizzare la stanza sottostante», aggiunge Tom Storrer. Inoltre, i tetti verdi riducono l’effetto delle isole di calore (fenomeno che determina un microclima più caldo all’interno delle aree urbane rispetto alle zone periferiche e rurali circostanti, NdR), in quanto assorbono il calore durante il giorno e lo rilasciano durante la notte, quando l’edificio si trova in fase di raffreddamento. «Lo strato impermeabilizzante protegge il tetto dai danni UV e dagli agenti atmosferici, contribuendo a raddoppiare e a volte triplicare la sua durabilità», dice Tom Storrer.


Ci sono degli aspetti negativi?

Il costo iniziale sarà probabilmente più alto rispetto a quello previsto per un tetto ordinario. Il tetto dovrà essere adeguatamente impermeabilizzato prima di inserire la vegetazione: un professionista esperto in materia può aiutarti in questa attività. In linea di massima i tetti sono abbastanza resistenti per reggere un’estesa copertura verde, ma in alcuni casi può essere necessario rinforzarlo. «Se hai qualche dubbio, potresti richiedere un parere a un’azienda installatrice di tetti verdi, inviando le dimensioni e una foto del tuo tetto», consiglia John Brennan. Un professionista esperto del settore può realizzare qualsiasi modifica necessaria; mentre le aziende installatrici di tetti verdi possono prendersi cura di tutto il tuo progetto. «È estremamente importante possedere un tetto adeguatamente resistente, soprattutto se si tratta di una copertura di grandi dimensioni, se vuoi evitare di ritrovarti con una pozzanghera d’acqua dentro casa», dice Sam Thornell di Hart Design and Construction. «Per stabilire la resistenza adatta, immagina che sia una superficie calpestabile: se può reggere il peso di un paio di persone, dovrebbe essere abbastanza forte». I tetti verdi possono isolare la stanza sottostante. Tuttavia, secondo il The Green Roof Centre, questo dipende dalla quantità di acqua che il tetto riesce a contenere; inoltre, l’acqua ha un effetto negativo sulla conduttanza termica, quindi un inverno molto piovoso potrebbe avere qualche effetto indesiderato.


Quali sono le principali tipologie di tetto verde estensivo?

I due tipi di tetti verdi estensivi più comuni sono quelli con vegetazione a Sedum e quelli con piante erbacee spontanee. Tetti a Sedum Il Sedum è una pianta perenne con foglie succulente, fusti carnosi e grappoli di fiori a forma di stella. È perfetta per il tetto verde estensivo in quanto fornisce una copertura rigogliosa e ha bisogno di poca terra. È anche molto resistente al freddo e al caldo, ma le temperature estreme potrebbero danneggiarla. Questa pianta cambia colore con le stagioni e molte specie iniziano a tingersi di rosso in autunno inoltrato. «I nostri tetti con vegetazione a Sedum includono una decina di specie, in modo da poter ammirare fiori di colore diverso in differenti momenti dell’anno – rosso, verde, giallo, bianco», spiega John Brennan di JB Landscapes. I tetti ricoperti di Sedum sono anche leggeri, infatti il substrato è solo di circa 80 millimetri, considerato da John Brennan: «La profondità minima per le piante felici». In questo modo anche che le erbacce hanno difficoltà a prendere piede, perché la vegetazione è già abbastanza fitta.


Tetti con piante erbacee spontanee

Dagli anni Trenta ad oggi, il Regno Unito ha perso il 97% dei suoi prati fioriti. Perciò, aggiungere anche un piccolo angolino di verde rappresenta un modo per ristabilire l’equilibrio. I tetti con piante selvatiche sono forse più belli di quelli a Sedum, anche se fioriscono soltanto per metà dell’anno. Tuttavia, sono più pesanti perché richiedono un substrato più profondo – intorno ai 150 millimetri – che favorisce quindi anche la crescita delle erbacce. Molte aziende possono aiutarti a selezionare le piante selvatiche in modo da ottenere l’effetto estetico che desideri e attirare gli insetti che preferisci.


Cosa devo prendere in considerazione prima di installare un tetto verde?

Oltre agli aspetti discussi in precedenza, come la resistenza e l’impermeabilizzazione del tetto, valuta come tutti gli elementi appariranno nel complesso. «Durante la fase di progettazione, considera il sistema di drenaggio in modo da garantire un effetto finale piacevole. Non vorrai sul serio mostrare un tubo di scarico!», suggerisce Simon Berry. Inoltre, potrebbe sembrare ovvio, ma è fondamentale considerare come accedere al tetto per affrontare le riparazioni o ritoccare l’impianto – è importante che tu (o un professionista) possa arrivarci con facilità e sicurezza. La primavera e l’autunno sono i periodi ottimali per installare i tetti verdi perché le radici si stabilizzano meglio, quindi, se possibile, avvia il progetto in concomitanza con una di queste stagioni.


Quanta manutenzione è richiesta?

Un nuovo tetto verde di grandi dimensioni dovrebbe idealmente essere innaffiato ogni giorno per i primi tre mesi. Comunque, la manutenzione necessaria è davvero minima. «Rimuovi le erbacce una o due volte all’anno», suggerisce Simon Berry. Per i tetti coltivati con piante spontanee è necessaria una leggera diserbatura e vanno tosate almeno ogni autunno, inoltre potrebbero essere richieste piccole innaffiature durante i periodi caldi. «Assicurati che le grondaie siano libere senza intralci», aggiunge John Brennan. Se una o più piante non riescono a prosperare potrebbe essere opportuno sostituire i vasi con nuovi. Molte aziende offrono una visita di manutenzione semestrale o annuale per chi preferisce essere totalmente libero da questo impegno. Ho bisogno di un bordo di ghiaia? La ghiaia intorno a molti tetti verdi serve come rompifiamma. Il The Green Roof Centre raccomanda di posare una striscia di ghiaia di 50 centimetri di larghezza vicino alle aperture e lungo tutto il perimetro del tetto. In alternativa puoi usare una lamiera al posto della ghiaia.
«Questa soluzione aiuta anche a prevenire che la vegetazione cada ai bordi del tetto e si impigli negli scoli», dice John Brennan.


Quanto tempo durerà?
Se è ben curato, un tetto verde può durare decenni. «In Austria c’è un tetto verde che ha più di 70 anni», racconta Tom Storrer.

Salva

Salva

Salva



Archivio News

Commenti su questa news

cesare buffone

clementina, Giovedì 06/04/2017 alle 13:05 ha scritto:

ottimo

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Edilizia sostenibile: depuratori d'aria negli edifici a zero consumi (nZEB) - AcquistiVerdi.it
L'Università degli Studi del Sannio e il Dipartimento di Ingegneria Industriale (DII) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II stanno realizzando progetti di edilizia sostenibile per...
Sutter Professional - Eco Ristorazione, Pulizia e Igiene, Attrezzatura Professionale, Stoviglie (pulizia professionale), Superfici (pulizia professionale), Tessuti (pulizia professionale), Per gli Alberghi, Eventi Sostenibili, Per il GPP, Per l'Azienda, Per la Scuola

Produce e commercializza concrete soluzioni di qualità per i problemi di pulizia, di cura e disinfezione degli ambienti domestici e professionali. Tra le buone pratiche, si segnala che "Emulsio il...


promuovi i tuoi prodottiPromuovi i tuoi prodotti su AcquistiVerdi.it
113 aziende
l'hanno già fatto
per 387 prodotti!

© 2014 AcquistiVerdi.it S.r.l. Via Kennedy 15, Ferrara.    
info@acquistiverdi.it P.IVA-C.F. 01835640382