Toner e cartucce per la stampa: occhio ai cloni e al falso GPP

Toner e cartucce per la stampa: occhio ai cloni e al falso GPP  - AcquistiVerdi.it

Molte Pubbliche Amministrazioni, nell’ambito delle proprie politiche di GPP, si rivolgono al mercato dei toner e delle cartucce per stampa compatibili e ricostruiti. Spesso però acquistano senza saperlo prodotti non ecologici, pericolosi per l’ambiente e per la salute e, purtroppo, a tutti gli effetti fuori legge. Facciamo un po’ di chiarezza. Un consumabile per stampa compatibile/ricostruito è un prodotto per stampante, fax o fotocopiatore, il cui marchio è diverso da quello della macchina su cui viene impiegato, ma che deve garantire - oltre ad un risparmio economico - la stessa qualità e almeno la stessa durata del prodotto originale. Sempre più spesso però sul mercato si stanno diffondendo prodotti che vengono proposti come compatibili/rigenerati ma che sono a tutti gli effetti dei cloni.
Un clone è nuova cartuccia (e non una cartuccia rigenerata) che viene commercializzata come “originale” (pur essendo falsa) e addirittura venduta con il nome del produttore originale. A tutti gli effetti i cloni, oltre a non essere sottoposti ad alcun tipo di recupero e rigenerazione, sono dei prodotti contraffatti e molto spesso non sottoposti ad alcuna regola di produzione, d’importazione, di sicurezza dei lavoratori e degli utilizzatori.

Un clone è quindi un prodotto che:

  1. viola i brevetti del produttore di prodotti di nuova fabbricazione;
  2. viene importato senza alcun rispetto per le norme EU e nazionali su salute e sicurezza;
  3. non può essere rigenerato e di conseguenza va smaltito come rifiuto speciale.

Un prodotto rigenerato/compatibile invece:

  1. non viola i brevetti del produttore dei prodotti originali;
  2. garantisce prestazioni (qualità di stampa e durata) equivalenti all’originale;
  3. deriva dal recupero dell’originale usato (esausto) che viene riempito con polvere di toner (inchiostro nel caso di cartucce ink-jet) prevedendo anche la pulizia e/o la sostituzione di alcune sue parti (previa pulizia e sostituzione di quelle parti meccaniche che intervengono durante la stampa);
  4. costa dal 40% al 60% in meno rispetto all’originale.

Come si riconosce un clone da un compatibile rigenerato?

Premesso che i compatibili cloni hanno, solitamente, dei nomi di fantasia con packaging anonimi e senza alcun riferimento che possa riportare al produttore (indirizzo, n°verde, sito web), ci sono alcuni indizi che aiutano ad individuare la presenza di una cartuccia clone (di nuova produzione non autorizzata):

  • il prezzo: i prodotti caratterizzati da un costo molto più basso (oltre 80%) rispetto a quello dell’originale sono molto probabilmente dei cloni;
  • l’eccessivo tempismo nella disponibilità del prodotto:nei primi 12-15 mesi dall’uscita di una nuova stampante, a causa dell’assenza di vuoti sul mercato, le cartucce compatibili rigenerate non sono ancora disponibili. Se in questo periodo di tempo si trovano grandi quantità di cartucce/toner compatibili questi sono molto probabilmente dei cloni;
  • l’aspetto:se la cartuccia venduta come rigenerata non mostra nessun segno di utilizzo e usura, è molto probabile che sia un clone.

 Come riconoscere una cartuccia/toner compatibile rigenerato di qualità e di ecologicità certificate?

  •  La confezione del prodotto deve darci indicazioni precise: il marchio del produttore ben identificabile (indirizzo, n°verde, sito web …), la presenza delle principali certificazioni che un’azienda del settore remanufacturing dovrebbe avere (ISO9001, ISO14001, Standard STMC, DIN33870…), la presenza delle ISO riguardanti l’autonomia di stampa certificata e alcuni marchi ecolabel - come dagli esempi che seguono -  possono garantirci che si tratta di un buon prodotto, compatibile e ricostruito a basso impatto ambientale.
  • ISO/IEC 19752: misura l’autonomia delle cartucce/toner laser monocromatiche (bianco e nero), adottato dalla maggior parte dei costruttori di stampanti.
  • ISO/IEC 19798: misura l’autonomia delle cartucce /toner multicolor, adottato dalla maggior parte dei costruttori di stampanti.
  • Marchi ecologici di primo tipo: NORDIC ECOLABEL, NF ENVIRONNEMENT, Blauer Engel, Umweltzeichen.

 

 



Archivio News

Commenti su questa news

Pasquale  Busà

Pasquale Busà, Mercoledì 30/09/2015 alle 17:23 ha scritto:

Gentile Paolo, ha ragione Claudio. Non si può, assolutamente, associare il termine compatibile al termine rigenerato e/o ricostruito. Si tratta di cartuccia rigenerata e/o ricostruita una cartuccia chè è frutto di uno smaltimento di originale per il riutilizzo di elementi che non devono diventare rifiuto assoluto (da qui il rispetto per l'ambiente). Il prodotto compatibile, lo dice il termine stesso è un prodotto creato compatibilmente al prodotto originale ma niente ha dello stesso prodotto originale (quasi sempre viola i brevetti dei produttori). Vorrei poi che si meditasse su un principio fondamentale di interesse strategico per il nostro paese. Per ogni 600 cartucce compatibili mese vendute, in quello stesso periodo, un italiano resta disoccupato.

cesare buffone

Claudio Bozzi, Martedì 21/01/2014 alle 16:01 ha scritto:

Caro Paolo, Io conosco bene la differenza tra rigenerato e compatibile. E' proprio per evitare confusione che suggerivo di usare il termine rigenerato solamente per i toner ricostruiti. Questo perchè normalmente si parla di toner originali, compatibili e rigenerati.Mentre con il termine compatibile devono essere indicati solamente le cartucce toner nuove non originali, che, come correttamente affermi, sono praticamente tutte fuori legge.
Saluti
Claudio Bozzi

Ritratto di Paolo Fabbri

Paolo Fabbri, Martedì 21/01/2014 alle 13:58 ha scritto:

Gentile Claudia i due termini compatibile/rigenerato vanno utilizzati insieme in quanto non è detto che un Toner compatibile sia rigenerato

cesare buffone

Claudio Bozzi, Martedì 21/01/2014 alle 13:23 ha scritto:

Invece che chiarire rischiate di confondere. Vi suggerisco diusare il termine rigenerato o ricostruito al posto di compatibile/rigenerato

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
Acquisti verdi in progress: Comune di Sassari, Regione Basilicata - AcquistiVerdi.it
Dopo il Comune di Nuoro, anche il Comune di Sassari va verso l'introduzione degli acquisti verdi nell'Ente. In Regione Basilicata in un convegno si avvia il confronto sul GPP mentre sta per essere...
Novità in catalogo: erogatori d'acqua per uffici e non solo - AcquistiVerdi.it
Da Acqualys una gamma completa di erogatori d'acqua per tutte le esigenze: dall’ufficio al ristorante, dalla scuola all’industria, dal piccolo esercizio alla grande mensa.Gli erogatori di Acqualys si...
promuovi i tuoi prodottiPromuovi i tuoi prodotti su AcquistiVerdi.it
125 aziende
l'hanno già fatto
per 442 prodotti!

© 2014 AcquistiVerdi.it S.r.l. Via Kennedy 15, Ferrara.    
info@acquistiverdi.it P.IVA-C.F. 01835640382